La Cuba di Palermo

Codice Prodotto:

0038

ISBN:

978-88-940139-7-9
Acquistabile in libreria e presso la casa editrice
Aggiungi alla Wishlist
Aggiungi alla Wishlist

Condividi su: 

  • Descrizione
  • Specifiche
  • Recensioni

Era in origine integrata nel verde del parco reale detto Genoardo. Una iscrizione in versi sulla cornice d’attico svela il nome del re Guglielmo II e la data, 1180. Questo padiglione diurno è un esempio emblematico dell’architettura palaziale siciliana delle età islamica e normanna. Oltre ad una attenta analisi storico-critica del monumento, il volume è corredato dai rilievi e da foto dell’autore e da una specifica bibliografia.

 

Susanna Bellafiore, architetto, specializzata nel restauro architettonico presso l’ICRROM di Roma. Ha lavorato come dirigente tecnico presso la Soprintendenza per i Beni Ambientali ed Architettonici di Palermo seguendo numerosi interventi di restauro di monumenti della provincia di Trapani e di Palermo.

Nel 2013 diventa editore per ripubblicare i testi di Giuseppe Bellafiore, l’amato zio a cui ha dedicato cure e attenzioni negli ultimi anni della sua vita. Nel suo ricordo affettivo e soprattutto professionale, vuole riproporre il suoi operato ed i suoi libri in ispecie sulla storia dell’architettura in Sicilia, affinché la sua figura di uomo e di studioso venga ricordata nel tempo.

 

Anno

1984

Edizione

prima

Formato

21 x 23 cm

Pagine

92

Peso

335 gr

ISBN

978-88-940139-7-9

Autore

Susanna Bellafiore

Editore

Susanna Bellafiore Editore

Copyright

Susanna Bellafiore

Illustrazioni

foto e grafici dell’autore

Copertina

bianco nero

Interno

bianco nero

Lingua

Italiano

2 recensioni per La Cuba di Palermo

  1. Francesco Lo Bello

    L’edificio, per importanza storica e complessità architettonica, merità il brillante saggio che Susanna Bellafiore ha dedicato ad esso. All’accuratezza, precisione e nitidezza dei disegni di rilievo corrisponde la puntigliosa ricostruzione storica, riccamente documentata, che ne fa il testo.

  2. Rosa Chirco

    Il lavoro svolto negli anni dagli architetti Giuseppe e Susanna Bellafiore rappresenta sicuramente un grande contributo per ciò che concerne la storia dell’arte in Sicilia. “La Cuba di Palermo” ne è un esempio. Un testo dal linguaggio accessibile anche a chi, come me, non è studente di architettura e il cui contenuto, molto dettagliato, (basti pensare alla descrizione delle caratteristiche strutturali, le analogie architettoniche tra la Cuba Sottana e vari monumenti presenti nel Maghreb centro-orientale e in Egitto, per non parlare del significativo intervento di restauro voluto dal Soprintendente F. Valenti), permette di riscoprire un patrimonio artistico e architettonico di grande valore che riflette la forte influenza islamica in Sicilia, soprattutto per quanto riguarda la dinastia fatimide, più di quanto si immagini. Un approfondimento, dunque, che consente di rivedere un monumento, espressione di un importante periodo storico purtroppo non abbastanza conosciuto.

Aggiungi una recensione

Potrebbero interessarti anche: